VIENNA HOTELS ONLINE - VHO


english version deutsch Verzion magyar változat versione italiana
English Deutsch Magyar Italiano

Lo zoo di Vienna


Guida per hotel a Vienna:
Alberghi vicino alla Stephansplatz
Alberghi a Mariahilferstrasse (Westbanhof)
Alberghi vicino alla stazione Südbanhof
Alberghi nei dintorni di Schönbrunn
L'elenco degli alberghi distretto a distretto
Alberghi economici Vienna
Alberghi che accogliano animali domestici
Eco-albergo
Alberghi con l'aria condizionata
Alberghi per le persone disabili
Parcheggio gratuito
Alberghi con l'Internet
Albergo con acqua letto in camera
Alberghi per famiglie
Alberghi in zona verde
Alberghi centrali
Pensione
Hostel
Prenotazione alloggi
Prezzi alberghieri
Stagioni
Ricerca alloggio
Alloggi stagionali

Guida turisitica per Vienna:
Prater
Hofburg
Stephansdom
Il Quartiere dei Musei di Vienna
Museo Albertina
Lo zoo di Vienna
La Scuola Equestre Spagnola
L'aeroporto internazione di Vienna
Distanze da Vienna
Il Beisl viennese
Usare Internet a Vienna
Prendere i soldi
Mezzi pubblici a Vienna
Taxi a Vienna
Dove comprare?
Mariahilferstrasse
Giro turistico con carrozza
Vienna - parte del patrimonio mondiale

Guida turistica per Austria:
Gli stati federati ed i capitali
Categorie alberghieri in Austria
Salisburgo - parte del patrimonio mondiale
Dizionario dei viaggiatori
Sciare in Austria
In treno in Austria


Prenotazione hotel
Autonoleggio
Il centro di Vienna è racchiuso da due grandi circonvallazioni, la Ring e la Gürtel, e oltre quest'ultima inizia la periferia e le zone verdi. La periferia è facilmente raggiungibile con mezzi pubblici, ma data la grandezza dobbiamo comunque calcolare un bel po' di tempo per la visita. Sicuramente vale la pena però di muoverci oltre la Gürtel perché anche qui si trovano tante curiosità che sarebbe un peccato non visitare. Una di queste è il famoso Schönbrunn.

Il castello di Schönbrunn e il suo parco creano un'unità e grazie allo stile barocco del palazzo si completano l'un l'altro perfettamente da molti punti di vista. Dall'ultimo decennio della vita di Maria Teresa il giardino è rimasto praticamente intatto, il ché dà un carattere particolare all'intero complesso.

La proprietà veniva chiamata "Katterburg" dal Trecento. Era un terreno adatto per la coltivazione dell'uva e qui funzionò anche un mulino. Il territorio attirava tanti affittuari, ma nel 1569 venne nominato proprietà imperiale dall'imperatore Miksa II. e così gli affittuari se ne dovettero andare. L'imperatore fece della zona un giardino botanico e zoologico, dove poté dedicarsi non solo alla sua passione di collezionismo, ma anche di caccia, passione, quest'ultima, molto caratteristica degli Asburghi. Per questi motivi il giardino - oltre alle specie di selvaggina e volatili indigene - ospitò anche uccelli esotici e pavoni che non poterono mancare da un giardino imperiale. Il quadro idilliaco venne poi distrutto da truppe ungheresi che demolirono il parco recintato nel 1605. Dopo il parco fu restaurato, ma l'imperatore Mattia lo usò solo come territorio da caccia. Secondo la leggenda, proprio durante una di queste battute di caccia scoprì la "bella fontana" (Schönbrunn) che decenni dopo diede il nome alla proprietà.

Il sogno dell'imperatore Miksa II. relativamente al parco botanico e zoologico sparì invece con l'inizio dell'impero di Maria Teresa. La figlia di Carlo IV. fece diventare il territorio una corte imperiale e il giardino zoologico si restrinse a una zona minuscola su di esso. I membri della famiglia imperiale all'epoca usarono a fare merenda nel padiglione costruito il 1752.

Oggi questo è il giardino zoologico più antico, rimasto intatto e ancora funzionante del mondo, caratterizzato dalle gabbie situate in cerchio.

Nel 1906 proprio nello zoo di Schönbrunn nacque il primo elefante in prigionia. Fatto importante questo, perché fino a quel momento gli zoologi avevano la convinzione che gli animali selavtici non potessero riprodursi in uno zoo. Così la missione della direzione dello zoo è mantenere il giardino lo "zoo degli animali felici".

Nello zoo più antico del mondo è di particolare interesse la distribuzione del mangime: possiamo assistere a quella delle scimmie antropomorfe alla quale possiamo assistere alle 10 e alle 14.30. Nel padigione degli elefanti possiamo ammirare da vicino questi animali meravigiosi (magari ci capita anche di vedere il cucciolo fare il bagnetto). Oltre al classico padiglione degli elefanti e le gabbie degli animali carnivori, qui si trova anche una casa campagnola allestita per i bambini, dove possono accarezzare gli animali. Lo zoo ospita inoltre ippopotami, leoni, babbuini, giraffe e lupi e l'originale cascina di stile tirolese con i suoi animali domestici.



www.vho.at | Contact us

Email: office@vho.at
Tel: +43 1 253 0033
Fax: +43 1 253 0034

All rights reserved.