VIENNA HOTELS ONLINE - VHO


english version deutsch Verzion magyar változat versione italiana
English Deutsch Magyar Italiano

Prater


Guida per hotel a Vienna:
Alberghi vicino alla Stephansplatz
Alberghi a Mariahilferstrasse (Westbanhof)
Alberghi vicino alla stazione Südbanhof
Alberghi nei dintorni di Schönbrunn
L'elenco degli alberghi distretto a distretto
Alberghi economici Vienna
Alberghi che accogliano animali domestici
Eco-albergo
Alberghi con l'aria condizionata
Alberghi per le persone disabili
Parcheggio gratuito
Alberghi con l'Internet
Albergo con acqua letto in camera
Alberghi per famiglie
Alberghi in zona verde
Alberghi centrali
Pensione
Hostel
Prenotazione alloggi
Prezzi alberghieri
Stagioni
Ricerca alloggio
Alloggi stagionali

Guida turisitica per Vienna:
Prater
Hofburg
Stephansdom
Il Quartiere dei Musei di Vienna
Museo Albertina
Lo zoo di Vienna
La Scuola Equestre Spagnola
L'aeroporto internazione di Vienna
Distanze da Vienna
Il Beisl viennese
Usare Internet a Vienna
Prendere i soldi
Mezzi pubblici a Vienna
Taxi a Vienna
Dove comprare?
Mariahilferstrasse
Giro turistico con carrozza
Vienna - parte del patrimonio mondiale

Guida turistica per Austria:
Gli stati federati ed i capitali
Categorie alberghieri in Austria
Salisburgo - parte del patrimonio mondiale
Dizionario dei viaggiatori
Sciare in Austria
In treno in Austria


Prenotazione hotel
Autonoleggio
Vienna è una città ben ordinata, e la maggior parte delle curiosità si concentrano in piccole zone nel centro storico. Ciò nonostante, anche al di fuori della città si trova qualche bellezza impossibile da non visitare. Tra questi menzioniamo la residenza preferita di Maria Teresa, l'enorme castello di Schönbrunn con il suo meraviglioso giardino o il famoso Prater, il simbolo di Vienna che fu creato nel corso dell'Ottocento alla periferia occidentale della città per la classe operaia, con baracche da attrazioni, parco di divertimento, tiro a segno, carosello e birraio.

L'isola una volta boscosa fra i due bracci del Danubio funzionava da riserva per la selvaggina durante l'impero di Miksa II., che dopo venne trasformato in un parco barocco e aperto al pubblico nel 1766 da "l'imperatore delle riforme", Giuseppe II. La zona attorno alla ruota panoramica era, già a fine Settecento, un luogo di svago molto amato dai viennesi, con latterie, caffeterie e trattorie. Nel 1830 un certo Basileo Calafati aprì lo "studio delle attrazioni e della magia" e poco dopo anche il primo carosello. A questi seguirono altre baracche di giocolieri, campi di bocce e altri mezzi per lo svago e così si creò il Volksprater.

Il segno di riconoscimento del Volksprater è la ruota panoramica del luna park che fu costruita alla fine dell'Ottocento da un ingegnere inglese, Walter Basset. La ruota alta 67 metri, di 430 tonnellate di peso e attrezzato con 30 cabine era anche il palcoscenico preferito dei vari artisti.

Durante la prima Guerra mondiale l'enorme gioco venne preso dalla direzione militare che ne fece una base di controllo, e le bombe della seconda Guerra mondiale lo danneggiarono seriamente. Ci volle poco però perché dopo le guerre il miracolo d'acciaio si riprendesse a girare: divenne poi di fama mondiale come quinta nel film "Il terzo uomo" di Carol Reed e servì da sfondo per molti film americani ambientati a Vienna. La ruota panoramica si arricchì di una nuova idea per il suo 90° compleanno: ricevette una cabina di lusso che si può affittare per meetings e varie feste, come anniversari di matrimonio. Dal 1987 il numero 30 segna la cabina di lusso che aspetta i suoi ospiti con rivestimento di mogano, tende di stile liberty, tavoli di marmo, sedie tonett, tappeto azzurro e un sistema di illuminazione con lampade alogene moderne.

Il luna park, in funzione dal secolo scorso, oggi è uno di luna park più tecnologiche d'Europa che continua a dare l'impressione della festa. Le curiosità principali:
  • Ruota panoramica - una sosta di circa 14 minuti obbligatoria della visita della città di Vienna. La ruota gira molto lentamente, si sposta di circa 75cm al secondo affinché i visitatori possano godere per bene il panorama del parco e della città.
  • Hauptallee - Il viale centrale del Prater, lungo cinque chilometri e fiancheggiato da castagni.
  • Ippodromo Freudenau - Nello stadio vengono organizzati corse da primavera ad autunno.
  • Trotting Stadium - Lo stadio Krieau, costruito nel 1913, ospita molte corse al trotto nazionali e internazionali nella stagione da settembre a giugno.
  • Museo del Prater - Qui si possono visitare molti ricordi come manifesti, fotografie, pitture e figure da carosello.


  • www.vho.at | Contact us

    Email: office@vho.at
    Tel: +43 1 253 0033
    Fax: +43 1 253 0034

    All rights reserved.